San Giovanni Nepomuceno – la sua vita e le sue tracce

San Giovanni Nepomuceno – la sua vita e le sue tracce

Scoprite di più sul più noto santo ceco

HomeWhat's NewSan Giovanni Nepomuceno – la sua vita e le sue tracce
San Giovanni Nepomuceno, San Giovanni di Nepomuk, Santo Jan di Nepomuk. Questi sono tutti nomi associati a uno dei pochi santi cattolici romani cechi. Nacque intorno al 1340 (o più tardi) nella Boemia occidentale e morì il 20 marzo 1393 a Praga. Lavorò per l'arcivescovo di Praga e oggi è considerato uno dei patroni cechi. Quest'anno sono passati esattamente 300 anni dalla canonizzazione. Ma chi era? E dove possiamo trovare le sue tracce?

Città natale e giovinezza di San Giovanni Nepomuceno

San Giovanni nacque intorno al 1340 a Pomuk, una città della Boemia occidentale non lontana da Plzeň. Secondo la tradizione, sarebbe nato nel luogo in cui oggi si trova la chiesa barocca di San Giovanni Nepomuceno. A quel tempo, c'era una piccola casa in cui nacque San Giovanni. Suo padre era il balivo locale, ovvero l'amministratore cittadino. San Giovanni studiò in un monastero vicino, poi continuò i suoi studi presso la neonata Università di Praga, oggi nota come Università Carolina, e presso l'Università di Padova.

Carriera e morte di San Giovanni

Jan z Pomuku (Giovanni di Pomuk), come si firmava all'epoca, lavorò come notaio, vicario, canonico e anche come avvocato. Approfittò della sua istruzione costruendosi lentamente la sua carriera. Nel 1389 fu nominato vicario generale dell'arcivescovo di Praga. Era all'apice della sua carriera, perché non proveniva da una famiglia aristocratica, e all'epoca solo persone provenienti da alcune famiglie aristocratiche potevano ricoprire cariche superiori. Allo stesso tempo, però, San Giovanni si trovava in una situazione poco invidiabile, poiché l'arcivescovo di Praga e il re boemo lottavano per il potere. Inoltre, era un periodo molto incerto, pieno di guerre di religione, che alla fine sfociò nella riforma paneuropea della Chiesa cattolica. La disputa tra il re e l'arcivescovo si intensificò nel 1393, quando San Giovanni fu arrestato dal re presso il Castello di Praga e torturato. Lo studio eseguito sulle sue ossa nel XX secolo ha poi confermato che morì davvero per le conseguenze di questa tortura. Il suo corpo è stato gettato nella Moldava dal Ponte Carlo.

Le leggende su San Giovanni Nepomuceno e la canonizzazione

San Giovanni fu sepolto dopo la sua morte, ma già pochi anni dopo, nelle cronache comparvero varie leggende sui suoi miracoli da morto e sul suo martirio. Circa 100 anni dopo la sua morte, nacque la leggenda probabilmente più famosa: essendo il confessore della regina, la sua morte fu dovuta al fatto che non voleva rivelare al re i segreti confessati dalla regina. Tuttavia, il culto di San Giovanni Nepomuceno ebbe origine solo nel XVII secolo, quando, in suo onore, sorsero delle croci lungo le strade, furono costruite chiese a lui consacrate e divenne il patrono dell'onore, della confessione, degli armatori e degli zatterieri, nonché uno dei santi patroni cechi insieme a San Venceslao. Il processo di beatificazione si concluse il 31 maggio 1721, esattamente 300 anni fa.

Monumenti dedicati a San Giovanni Nepomuceno

Quali sono quindi i luoghi legati a San Giovanni Nepomuceno? Certamente il suo luogo di nascita: la città di Nepomuk, nella Boemia occidentale. La città vanta una serie di monumenti storici. Questi includono, ad esempio, la chiesa di San Giovanni Nepomuceno, dove si svolgono ancora oggi le funzioni religiose per commemorare la nascita e il martirio di San Giovanni, nonché l'arcidiaconato e l'antico ufficio postale di Zelená Hora con il museo di automobili e motociclette d'epoca.

Un altro monumento che commemora la vita e la morte del Santo si trova a Praga, sul Ponte Carlo. Proprio da qui, il corpo di San Giovanni Nepomuceno fu gettato nel fiume. Oggi, in questo punto si trovano una croce e una scultura. Molti turisti toccano la scultura come buon augurio. Potete provarci anche voi, ma vi dobbiamo svelare che questa usanza è sorta solo all'inizio degli anni '90, quando i turisti hanno iniziato a scoprire Praga. Ma non si sa mai, provateci!

La tomba di San Giovanni Nepomuceno si trova nella Cattedrale di San Vito al Castello di Praga. Se la visitate, sicuramente non potrete non notare la tomba. Si trova nella galleria sud del coro della cattedrale e la lapide è in argento puro fuso ed è davvero monumentale. L'aspetto attuale della tomba e della lapide risale alla metà del XVIII secolo.

Ma forse, la traccia più famosa lasciata da San Giovanni Nepomuceno è il santuario di San Giovanni Nepomuceno a Žďár nad Sázavou, a Vysočina. Sebbene non sia un monumento legato alla sua vita, è una chiesa che è stata costruita e consacrata a lui. La chiesa è iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Fu costruita all'inizio degli anni venti del XVIII secolo ed è senza dubbio l'opera più caratteristica di J. B. Santini Aichl, che all'epoca combinò il barocco moderno con lo stile gotico. In nessuna parte del mondo esiste un edificio del genere! Nella chiesa ricorre spesso il numero cinque, legato ad una leggenda su San Giovanni Nepomuceno. Ad esempio, la pianta della chiesa è a forma di stella a cinque punte, la chiesa ha cinque uscite, cinque nicchie d'altare, due serie di cinque cappelle attorno allo spazio centrale e cinque stelle e cinque angeli sull’altare maggiore. Si tratta di un riferimento alle cinque lettere della parola latina "tacui" (tacqui) e soprattutto alle cinque stelle nell'aureola del martire, che, secondo la leggenda, apparvero nella Moldava dopo la sua morte. La chiesa e l'intero complesso sono in fase di restauro, che dovrebbe essere completato nel corso del 2021.


Se attraversate la Repubblica Ceca e uscite dalle autostrade, vedrete un altro importante elemento paesaggistico spesso associato al culto di San Giovanni Nepomuceno. Si tratta delle sculture barocche lungo le strade. Croci, capitelli votivi o statue, soprattutto dedicati a San Giovanni Nepomuceno, sono stati costruiti agli incroci, in vari luoghi di sosta, nelle periferie di villaggi e insediamenti... In poche parole, dappertutto. Il paesaggio ceco è quindi intersecato da vie storiche e dalle loro segnalazioni d’epoca. Chi è in viaggio, può fermarsi presso tali sculture, ringraziare Dio e i santi per la protezione durante il viaggio o semplicemente rilassarsi. San Giovanni Nepomuceno, dunque, non solo ha la sua città natale, la sua tomba e le sue chiese in Repubblica Ceca, ma è presente in quasi tutte le città o almeno sulle strade che le raggiungono.

Festa "Navalis"

In onore del Santo ceco più famoso, alla vigilia della sua ricorrenza, ossia il 15 maggio, si svolge la festa di San Giovanni "Navalis". Si tratta della più grande festa barocca sull'acqua presso il Ponte Carlo a Praga, che ha una tradizione tricentenaria. È famosa tanto quanto il Carnevale di Venezia e attrae pellegrini e turisti provenienti da tutto il mondo. Questa festa barocca sulla Moldava ha uno scenario fisso ogni anno: la decorazione a festa dei cavalli in piazza Hradčanské, la messa solenne nella Cattedrale dei SS. Vito, Venceslao e Adalberto, una processione che parte dalla cattedrale, attraversa il Ponte Carlo e arriva in piazza Křižovnické e un concerto barocco sullo specchio d'acqua del fiume Moldava. È un evento eccezionale da non perdere!