Il capo dell'agenzia CzechTourism: la pandemia di COVID ha accelerato il raggiungimento del mio obiettivo principale, la digitalizzazione

Il capo dell'agenzia CzechTourism: la pandemia di COVID ha accelerato il raggiungimento del mio obiettivo principale, la digitalizzazione

HomeNovitàIl capo dell'agenzia CzechTourism: la pandemia di COVID ha accelerato il raggiungimento del mio obiettivo principale, la digitalizzazione
Un uomo agile, attivo, di molte professioni, che ha preso il periodo della pandemia di COVID-19 come una sfida. Questo è Jan Herget, il capo dell'agenzia CzechTourism, che, nonostante il periodo avverso, cerca di sostenere al massimo il turismo in Repubblica Ceca.
Fra poco saranno passati due anni da quando è tornato all'agenzia CzechTourism come direttore esecutivo. Può parlarci di questo periodo?
Sono stati due anni molto dinamici. Nella prima metà, mi sono concentrato sulla modifica del modo in cui era impostata l'agenzia, affinché riflettesse meglio le esigenze di imprenditori, regioni e associazioni professionali. Nella seconda parte di questo periodo ha inciso molto la pandemia di COVID-19, che ha accelerato e ribaltato tutto. Laddove pensavamo di avere molto tempo, improvvisamente abbiamo dovuto apportare modifiche da un giorno all'altro e viceversa. Abbiamo lavorato un po' come una sorta di startup.

La pandemia di COVID-19 ha anche accelerato il raggiungimento del mio obiettivo principale: la digitalizzazione. Tutti i dipendenti sono in grado di lavorare da qualsiasi luogo e partecipare alle riunioni tramite Microsoft Teams. Organizziamo workshop, seminari e conferenze online per i partner. Lo scorso novembre abbiamo presentato la nostra strategia per il prossimo quinquennio sotto forma di studio televisivo virtuale. Diverse migliaia di persone hanno assistito alla trasmissione su varie piattaforme. Oramai non stiamo solo parlando di digitalizzazione, la stiamo vivendo.

Naturalmente, stiamo indirizzando verso un ambiente digitale anche tutti i nostri sforzi pubblicitari o di contenuto. Solo in questo modo saremo in grado di reagire a cambiamenti quali la chiusura e riapertura delle frontiere nel corso di una sola settimana. Se volessimo pianificare questo su carta o attraverso brochure, non avremmo assolutamente alcuna possibilità.

Come vede il futuro? Quali conclusioni si possono trarre dalla pandemia di COVID-19, quali conseguenze avrà per lo sviluppo del turismo?
In primo luogo, stiamo affrontando delle conseguenze economiche terrificanti. I numeri sono noti a tutti. Lo scorso anno, a causa della pandemia di COVID, nella sola Repubblica Ceca il settore del turismo ha registrato un calo di oltre la metà, perdendo circa duecentomila posti di lavoro.

Personalmente vedo cambiamenti in due settori. Il turismo congressuale, che prima era molto interessante e redditizio e di cui ha beneficiato, tra gli altri, anche Praga, una delle dieci migliori destinazioni MICE in Europa, è gradualmente passato agli studi virtuali e alle piattaforme elettroniche a causa delle misure anticovid. La domanda da porsi è: sarà in grado di ritornare ai livelli raggiunti in tempi recenti? Per il futuro prevedo eventi ibridi che combineranno forme di incontro sia online che di persona. Stiamo offrendo aiuto al settore congressuale interessato sotto forma di workshop e fiere online sulla piattaforma virtuale Eventtia. Le società attive nel settore MICE possono parteciparvi gratuitamente. Abbiamo lanciato la serie lo scorso autunno, girando virtualmente gli Stati Uniti e il Canada, l'America Latina, l'Italia, il Regno Unito, gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita, la Scandinavia, l'Austria, la Germania e la Francia.

Il secondo settore è quello della gente comune, che viaggia per rilassarsi e divertirsi. Ho la sensazione che la maggior parte di noi che ama viaggiare sia stata molto segnata da questo periodo che stiamo vivendo. Abbiamo dovuto cancellare i biglietti aerei e le vacanze e non vogliamo più investire denaro nelle ferie. Questo è il motivo per cui penso che anche in questo settore si verificherà un enorme cambiamento. Prenoteremo biglietti aerei e alloggi last minute, non faremo progetti in anticipo perché oggi non è possibile. Penso anche che la sicurezza di un paese e del suo sistema sanitario saranno fattori importanti e diventeranno sempre più importanti nel turismo. Vorremmo essere certi che, se andremo in un paese, si prenderanno cura di noi in caso di malattie. Il nostro aiuto riguarda questo aspetto e lo forniamo attraverso campagne online flessibili e dando visibilità all'offerta di destinazioni e imprese regionali negli spazi online in patria e all'estero. I nostri portali Web kudyznudy.cz per il turismo interno e visitczechrepublic.com per i turisti provenienti dall'estero sono i mezzi principali per raggiungere questo scopo. Allo stesso tempo, sosterremo i progetti che aiuteranno le regioni con una gestione efficace delle destinazioni. Ad esempio, il progetto e-Turista, che dovrebbe garantire un sistema unificato di registrazione dei visitatori nel paese.

In una delle Sue interviste, ha affermato che il Suo obiettivo è promuovere il concetto di viaggiatore, non di turista. Ci spieghi questa affermazione.
L'idea è nata soprattutto nel periodo pre-COVID, quando la maggior parte delle destinazioni più interessanti, a prescindere che si trattasse di Praga, Barcellona o Vienna, stava soffrendo per l'eccessiva affluenza di turisti. Lo scopo del concept è quello di rivolgersi e attirare i turisti interessati all'architettura che sono in grado di distinguere il gotico dal barocco e apprezzano il fatto che nel nostro paese hanno l'intera storia dell'Europa moderna distribuita in pochi chilometri quadrati. Quei turisti che sono interessati all'approfondimento e sono in grado di apprezzare la cucina tradizionale, la storia o la bellezza della natura. La categoria opposta è rappresentata dai turisti che si fermano per tre ore, scendono dall'autobus e si fanno un selfie per ricordo per poi sparire di nuovo altrettanto velocemente.

Quali sono i Suoi piani per un ulteriore sviluppo del turismo attivo, rurale, gastronomico, ecologico e di altro tipo?
Dallo scorso anno, insieme al nostro partner, l'Associazione ceca per il turismo rurale e l'agriturismo (Svaz venkovské turistiky a agroturistiky), abbiamo iniziato a dedicarci intensamente al prodotto del turismo rurale e dell'agriturismo, dalla mappatura dell'offerta di strutture e servizi sul mercato, attraverso lo sviluppo del prodotto, condividendo le migliori pratiche e ispirazioni come, ad esempio, quelle dell'Austria, fino al miglioramento della qualità dei servizi in collaborazione con partner regionali e settoriali. Per la seconda metà dell'anno prevediamo un sostegno al marketing sia in Repubblica Ceca che in mercati esteri selezionati, dove questo prodotto è popolare.

Quest'anno, e anche nei prossimi anni, ci concentreremo anche sul settore gastronomico, un altro dei più colpiti dalla pandemia di COVID. Ci concentreremo sulla promozione della cucina tradizionale boema e morava, delle specialità regionali e dei cibi locali, il che è anche legato al sostegno del turismo sostenibile. Allo stesso tempo, vogliamo presentare la Repubblica Ceca come destinazione che offre anche gastronomia raffinata. Pochi sanno che, oltre ai rinomati locali praghesi, anche la scena gastronomica di altre città, come Brno e Olomouc, è in grado di soddisfare gli ospiti più esigenti dal palato fine. Abbiamo anche l’intenzione di propagare ulteriormente la grande cultura delle caffetterie, di cui le città ceche possono essere orgogliose. Un altro compito per noi sarà quello di sensibilizzare il turismo del vino, che in alcune regioni, anche in relazione al folklore e alle tradizioni, ha un grande potenziale messo un po' all'ombra dalla famosa birra ceca.
 
La situazione attuale richiede anche cura per la condizione fisica e la salute. Le vacanze attive associate al recupero delle forze, alle gite nella natura, in bici, sugli sci e a piedi, diventeranno sempre più importanti. L'anno scorso, in Repubblica Ceca è stato aperto il percorso a lunga distanza Via Czechia, che lambisce il confine di Stato della Repubblica Ceca, attraversa aree naturali nella massima misura possibile, raggiunge le vette più alte della maggior parte delle montagne ceche e conduce alle attrazioni principali delle singole regioni. Lo promuoveremo sicuramente.



La Repubblica Ceca è famosa per le sue infrastrutture termali, il personale medico qualificato, le sorgenti minerali e i fanghi terapeutici. Prevede di sfruttare queste risorse per entrare nel mercato internazionale e attirare visitatori in Repubblica Ceca per la riabilitazione e i trattamenti post-pandemia di COVID-19?
Decisamente. Siamo tornati ad uno stile di vita sano. Le terme saranno parte integrante dei viaggi del futuro. Svolgeranno un ruolo significativo nel rafforzamento del sistema immunitario, nel ricondizionamento fisico e nella prevenzione. Inoltre, le terme ceche sono circondate da bellezze naturali o montagne e offrono quindi una combinazione molto interessante di cure termali e vacanze attive.

In reazione alla situazione attuale, diversi centri termali della Repubblica Ceca hanno incluso anche programmi di trattamento per pazienti che hanno sofferto di COVID. Tali programmi sono principalmente focalizzati sul trattamento dei problemi respiratori, spesso causati dalla grave polmonite che accompagna la malattia, ma anche problemi psichici e disturbi muscolo-scheletrici.

Le terme figurano da tempo tra i nostri principali prodotti di marketing. Siamo consapevoli dell'importanza del settore e del grave impatto che ha subito dalla pandemia. Pertanto, quest'anno rafforzeremo in modo significativo le nostre attività di marketing all'estero a supporto del prodotto-terme, soprattutto in Germania, Russia, Medio Oriente e nei paesi confinanti (Slovacchia, Austria, Polonia, ecc.)

Praga ha approvato un nuovo piano per il turismo sostenibile, il cui scopo è mettere la città al primo posto e raggiungere un equilibrio con la qualità della vita dei suoi cittadini. Può dirci di più su questo programma?
Collaboriamo con Praga da tanto tempo per promuovere altri quartieri della città. La maggior parte dei turisti viene a vedere il Castello di Praga, il Ponte Carlo e la piazza della Città Vecchia, noi invece cerchiamo di far scoprire ai turisti e ai viaggiatori altre aree della città, come Karlín, con la sua interessante scena gastronomica, o il distretto di Praga 7, che eccelle nell'arte moderna. Anche i lungofiumi di Praga lungo la Moldava sono molto interessanti. Abbiamo anche uno zoo stupendo, che è molto apprezzato dai turisti russi.
La sostenibilità del turismo prevede anche di portare i turisti fuori dai luoghi congestionati. Vale la pena spiegare loro che la veduta del Castello di Praga da Vítkov, ad esempio, è poco conosciuta dai turisti, ma è molto bella, così come è stupenda la veduta dalla collina di Petřín, che si può raggiungere con la funicolare.

Allo stesso tempo, Praga, in collaborazione con il governo, sta preparando delle leggi per la regolamentazione degli alloggi condivisi, perché alcuni imprenditori aggirano il sistema, non pagano le imposte né le tasse turistiche. Le nuove leggi dovrebbero uniformare le regole della concorrenza per gli hotel normali e gli alloggi condivisi.

Quali dei mercati turistici internazionali sono attualmente le Sue priorità?
Tutti i segnali suggeriscono che anche quest'anno i turisti nazionali saranno fondamentali per la Repubblica Ceca. Tuttavia, siamo convinti che i primi turisti stranieri verranno in estate. In primo luogo, potrebbero essere viaggiatori provenienti dai paesi vicini, che potranno venire da noi in automobile: tedeschi, polacchi, slovacchi, austriaci, ungheresi, olandesi...

Reagiremo quindi all'evoluzione della situazione epidemica e lanceremo campagne sia in Repubblica Ceca che nei mercati vicini, Paesi Bassi compresi, per attirare i turisti stranieri non appena la situazione lo consentirà. Nei mercati lontani, vogliamo che la Repubblica Ceca resti una destinazione turistica ambita fino a quando i turisti provenienti da questi paesi non potranno venire da noi, sebbene gli arrivi di turisti dai mercati lontani non siano realistici fino alla seconda metà dell'anno.

Gli strumenti principali nel 2021 continueranno ad essere social network, blogger e altri influencer. Con il loro aiuto, ad aprile si svolgerà una campagna sui social network volta a promuovere le regioni ceche meno conosciute.

Può dirci tre fatti sulla Repubblica Ceca che i visitatori potrebbero non conoscere?
Ci provo. La Repubblica Ceca è stata a lungo uno dei paesi più sicuri al mondo. Ci classifichiamo regolarmente tra i primi 10 paesi più sicuri al mondo, il che è particolarmente importante oggi, in quanto la sicurezza è uno dei parametri chiave che utilizziamo per scegliere una destinazione.

Chi ha già visitato la Repubblica Ceca forse sa che è uno dei paesi con il maggior numero di monumenti UNESCO per chilometro quadrato. Nonostante la superficie ridotta, se si gira per la Repubblica Ceca non è difficile imbattersi in qualcosa di eccezionale. Che si tratti di un castello storico, di un palazzo, di una chiesa o di una bellezza naturale, possiamo scorgerli quasi ad ogni passo. E chi ama le escursioni a piedi, può sfruttare un altro primato mondiale del nostro paese: il sistema ceco di segnaletica turistica in tre colori, che guidano il turista in modo affidabile attraverso gli angoli più belli della Repubblica Ceca.

Quello che di recente ha sorpreso anche me è che, secondo l'ultima indagine sul raggiungimento degli obiettivi globali di sviluppo sostenibile (OSS), la Repubblica Ceca è tra le prime 10 destinazioni europee nel campo dei comportamenti ecologicamente responsabili.
 
La Sua carriera è impressionante, da rappresentante delle pubbliche relazioni nel settore del turismo e del marketing a professore universitario e alla gestione della Sua impresa. Pensa che una tale varietà di mansioni nella Sua carriera La aiuti nel Suo attuale lavoro?
Sono convinto di sì, ma, allo stesso tempo, devo dire che il periodo attuale è davvero difficile, tutto sta cambiando con incredibile velocità. Non possiamo prevedere cosa accadrà tra sei mesi, figuriamoci tra un anno e oltre. Anche se probabilmente nessuno era pronto a un simile cambiamento, penso che l'esperienza aiuti. Riesco inoltre a comprendere meglio i sentimenti delle piccole e medie imprese, che stanno avendo le maggiori difficoltà, e sto cercando i modi per aiutarle almeno un po'.

In uno dei Suoi profili sui social media è scritto "Non mollare mai". È questo il Suo motto?
Cerco di vivere secondo questo motto. Mi piacciono i progetti a lungo termine, cerco di rispettarli a prescindere che si tratti di sport, affari o lavoro… È importante sapere che obiettivo abbiamo e come vogliamo raggiungerlo. A quel punto non abbiamo voglia di arrenderci, perché è come una corsa di fondo. Una volta ho partecipato alla maratona, quando si è lì, bisogna arrivare in qualche modo al traguardo.

Ha trascorso molti anni all'estero durante la Sua carriera. Dove Le piace andare in vacanza e come trascorre il Suo tempo libero a Praga?
La Repubblica Ceca è un piccolo paese, ma l'estate scorsa io e la mia famiglia abbiamo girato l'intero paese con un camper. Rispetto agli anni precedenti, abbiamo trascorso molto più tempo in patria e abbiamo scoperto molti posti bellissimi in cui non eravamo mai stati prima. Nella Moravia orientale abbiamo scoperto bellezze naturali splendide, la città di Vizovice, che ha un'atmosfera meravigliosa. Nel villaggio di Ostroh, abbiamo trovato il "Mare della Moravia", un bellissimo lago con le onde. A proposito, hanno anche il più grande tunnel sottomarino d'acqua dolce con pesci, quindi è estremamente divertente per i bambini.



Allo stesso tempo, sono rimasto estremamente colpito dalle "città reali" delle province più piccole, come Litoměřice, Klatovy e Sušice. Tutte hanno una bellissima piazza storica e allo stesso tempo si trovano in mezzo alla natura. Inoltre, grazie al livello sempre crescente dei servizi gastronomici in Repubblica Ceca, si può mangiare molto bene a un prezzo ragionevole. Litoměřice si trova sul fiume Elba, attorno al quale una bella pista ciclabile conduce dai Monti dei Giganti ad Amburgo. Klatovy, invece, si trova nel bel mezzo della selvaggia Selva Boema. Abbiamo anche approfittato dell'offerta di buoni per le terme statali, il cui scopo è sostenere il turismo termale in Repubblica Ceca, e abbiamo visitato le terme di Karlovy Vary. È stato il mio primo soggiorno termale e mi ha entusiasmato. Se la pandemia di COVID ha portato qualcosa di buono per i cechi, è stato certamente la riscoperta delle bellezze della Repubblica Ceca e le vacanze e le gite in patria.