Venite a scoprire le opere di Kilián Ignác Dientzenhofer

Venite a scoprire le opere di Kilián Ignác Dientzenhofer

Scoprite le perle dell'architettura barocca di un architetto e costruttore famoso!

HomeNovitàVenite a scoprire le opere di Kilián Ignác Dientzenhofer
Sono trascorsi 330 anni dalla nascita di un architetto che ha cambiato il volto di molte città dell'Europa centrale, un architetto attivo nel periodo barocco che ha lasciato il segno nell'attuale Repubblica Ceca, dove si contano circa 200 edifici progettati da lui. Molti di questi sono delle autentiche perle dell'architettura barocca, incluse anche nei libri di testo di storia dell'arte. Venite con noi a scoprire il passato!

Con chi abbiamo l'onore?

Nato a Praga il 1° settembre 1689, Kilián Ignác Dientzenhofer era il quinto figlio del costruttore Kryštof Dientzenhofer. Studiò filosofia e matematica al ginnasio di Malá Strana. Successivamente, studiò edilizia con suo padre, per poi andare all'estero a fare esperienza. A quel tempo, prima di raggiungere l'età adulta, i figli delle famiglie facoltose trascorrevano solitamente un anno o due in viaggio; il padre di Kilián gli concesse addirittura un viaggio di studio di otto anni in Europa. Durante questo viaggio, poté ammirare gli edifici dei maestri del barocco. Visse a Vienna, Venezia, Milano, Firenze, Roma e Napoli. Nel 1715 tornò a Praga e cominciò a collaborare con suo padre su una serie di progetti e successivamente completò da solo diversi suoi edifici. Si sposò due volte ed ebbe in totale diciotto figli. Negli ultimi anni della sua vita, collaborò con suo genero, Anselmo Lurago, che terminò i suoi edifici dopo la sua morte. Morì il 12 dicembre 1751 a Praga e fu sepolto nel cimitero di Malá Strana. Oltre agli edifici religiosi decorati, progettò anche edifici in campagna. È interessante notare che gli artisti popolari di campagna trasferirono nelle loro opere gli elementi più importanti dei lavori di Dientzenhofer fino al XIX secolo (il barocco rurale). Il villaggio di Holašovice nella Boemia meridionale, iscritto nella Lista dell'UNESCO, vanta gli edifici più famosi del barocco rurale di campagna.

Chiese barocche – edifici iconici praghesi

Probabilmente, l'edificio più famoso di Kilián Ignác Dientzenhofer è la chiesa di San Nicola a Malá StranaPraga. Si tratta anche del suo progetto più lungo, si potrebbe addirittura definire la sua "magnum opus". Iniziò a lavorarci durante il suo apprendistato, quando la chiesa era l'edificio principale di suo padre, e ci tornò anche più tardi, dopo gli anni trascorsi in viaggio. Questa chiesa è uno degli edifici barocchi più importanti d'Europa ed è conosciuta come l'edificio più bello del barocco ceco. La sua cupola imponente e la torre snella sono parte integrante del panorama del Castello di Praga. È molto suggestiva anche la salita al campanile, che offre una veduta meravigliosa dei tetti rossi di Praga e dei meandri della Moldava. Quando visiterete la chiesa, non perdetevi l'organo locale suonato anche da Wolfgang Amadeus Mozart.

Kilián Ignác ha progettato anche altre chiese praghesi, ad esempio la chiesa di Santa Margherita nel complesso del Monastero di Břevnov, il monastero ceco più antico, fondato nel 993. La comunità locale di monaci sarà lieta di accogliervi nei fine settimana per le visite guidate del monastero, compresa la chiesa di Santa Margherita. Altri edifici praghesi sono, ad esempio, il Loreto a Hradčany, Invalidovna a Karlín, una parte del Klementinum e la chiesa di San Nicola nella Città Vecchia. Per la propria famiglia, edificò una villa a Smíchov, nota oggi con il nome di Portheimka, dove ha sede il Museo del vetro artistico.

Broumovsko – la provincia delle chiese barocche

L'ordine benedettino che commissionò a Dientzenhofer la costruzione della chiesa di Santa Margherita a Praga era un cliente generoso e nel corso degli anni affidò a Kilián Ignác diverse opere monumentali. Insieme al Monastero di Břevnov, fu ricostruito l'intero Monastero di Broumov, nella Boemia orientale, e vennero eseguiti altri lavori nel vicino Monastero di Police nad Metují. Inoltre, intorno a Broumov si cominciarono a costruire e ristrutturare le chiese dei villaggi, a Božanov, Heřmánkovice, Vižňov, Janovičky e nei villaggi circostanti. E ogni chiesa è diversa. Si dice che Kilián Ignác non si sia mai ripetuto e non abbia copiato i suoi vecchi modelli collaudati. Ad esempio, ogni chiesa ha una pianta leggermente diversa, a stella o a croce greca. A distanza di tre secoli, la sua creatività e la sua abilità artistica sembrano quasi inesauribili!

Ma c'è molto altro!

Se il maestro barocco vi ha conquistato, seguite le sue orme visitando altri edifici. Potete iniziare a Přeštice, una piccola città vicino a Plzeň, nella Boemia occidentale. La soluzione architettonica della chiesa, la sua decorazione artistica interna e la sua posizione ne fanno uno dei principali monumenti barocchi cechi al di fuori di Praga. A pochi passi di distanza si trova il villaggio di Plasy con l'ex monastero cistercense. Alla sua costruzione si alternarono diversi architetti e Kilián Ignác Dientzenhofer gli diede l'aspetto finale completando l'edificio del convento. Il monastero è interessante, tra le altre cose, perché l'intero edificio sorge su una base di querce che si sono conservate per secoli grazie al livello alto delle acque sotterranee. La terza opera che citiamo si trova anch'essa nella Boemia occidentale. Anche il convento del Monastero di Kladruby si deve a K. I. Dientzenhofer; molte persone vi si recano per ammirare l'architettura tardo barocca, compresa l'originale basilica di Jan Santini Aichl. Nella città di Kutná Hora, nella Boemia centrale, creò un altro gioiello: un monastero con chiesa per l'ordine delle Orsoline. Oggi, il complesso funge da ginnasio episcopale. A sud-ovest di Praga, ancora nella Boemia centrale, trovate un'altra sua traccia: nella città di Sázava, in uno dei più antichi monasteri della Repubblica Ceca, fu incaricato di costruire il convento dell'ex monastero benedettino.

Il successore devoto

Sfortunatamente, niente dura per sempre e Kilián Ignác Dientzenhofer morì all'età di 62 anni. Secoli fa, edifici monumentali come quelli commissionati dalla Chiesa o dalla nobiltà richiedevano molti anni, a volte persino decenni, per essere completati. Kilián Ignác iniziò a collaborare con suo genero, Anselmo Lurago, che, dopo la sua morte, completò gli edifici. Ad esempio, non vide mai completato il suo edificio più importante, iniziato già da suo padre (la chiesa di San Nicola). Fu proprio suo genero a completare la costruzione.