Venite a conoscere gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser)

Venite a conoscere gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser)

Venite a visitare un’autentica foresta dell'Europa centrale entrata recentemente sotto la tutela dell'UNESCO!

HomeVenite a conoscere gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser)
Nel luglio 2021, diversi siti di tutto il mondo sono stati aggiunti alla lista dei monumenti naturali dell'UNESCO. E uno di questi si trova in Repubblica Ceca, in particolare nella Boemia settentrionale. Questa è un'area protetta conosciuta come gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser). Si tratta di uno degli ultimi faggeti di montagna quasi incontaminati dalle attività antropiche in Europa.

Foreste uniche dell'Europa centrale

Gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser), che ora sono sotto la tutela dell'UNESCO, coprono un'area di circa 27 chilometri quadrati sul versante nord-orientale dei Monti Iser, nella Boemia settentrionale, presso i paesi di Hejnice e Lázně Libverda. Tuttavia, non si tratta della tutela di un territorio isolato, ma di un collegamento a siti esistenti protetti sotto il nome di Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d'Europa. Questa sezione del patrimonio dell’umanità comprende quasi 100 siti di dodici paesi europei.

Sebbene l'area sia chiamata faggeto, è ben lungi dall'essere composta da soli faggi. Nei boschi misti si trovano anche sorbi e tigli, mentre nelle parti inferiori crescono querce, abeti o abeti rossi, alcuni dei quali hanno oltre 200 anni. Le parti meglio conservate e naturalmente più preziose dei Monti Iser sono, ovviamente, la dimora di numerose piante e animali rari. Dal 2007, una parte della riserva è formata da un territorio completamente sottoposto ad un regime di “non intervento”, dove la natura viene lasciata ad uno sviluppo spontaneo. Ma qui la foresta si è evoluta per centinaia di anni. I pendii della montagna sono rocciosi e ripidi. Negli ultimi secoli si è preferito raccogliere legna sui pendii più facilmente accessibili e non sul versante settentrionale delle montagne. Ecco perché queste foreste sono rimaste quasi incontaminate dalle attività antropiche fino ad oggi e qui si evolvono secondo principi naturali.

L’UNESCO per i solitari

Le foreste sui pendii montuosi con molti massicci rocciosi e vedute panoramiche sono interessanti non solo dal punto di vista ecologico, ma anche turistico. Ma proprio nella difficoltà del terreno risiede anche un piccolo problema: a differenza di altri monumenti cechi iscritti nella lista del patrimonio dell’umanità dell'UNESCO, negli Jizerskohorský bučiny (Faggeti dei Monti Iser) non troverete alcun centro informazioni o visitatori. Qui c’è solo la natura incontaminata e maestosa nella sua forma più pura. Non aspettatevi di trovare folle di turisti o punti di ristoro come le classiche osterie ceche. Qui, il terreno è più impegnativo, sui sentieri è necessario superare grandi dislivelli e in bicicletta si può percorrere solo un sentiero. In breve, questo è il luogo ideale per gli escursionisti che cercano principalmente bellezze naturali, solitudine e tranquillità. Il modo migliore per arrivare sin qui è in auto da Liberec e si può parcheggiare, ad esempio, a Hejnice o a Lázně Libverda. La strada vi sarà poi indicata da segnali turistici e percorsi naturalistici.

Un’escursione tra i faggi e non solo

Gli Jizerskohorské bučiny (Faggeti dei Monti Iser) sono estremamente importanti e interessanti dal punto di vista scientifico ed ecologico. D'altra parte, un’escursione tra queste foreste non è per tutti. Nel caso voleste passare qualche giorno qui e godervi i dintorni, vi consiglieremo dove andare.

Un’escursione interessante tra molte formazioni rocciose è sicuramente quella per i Boschi e le rocce di Oldřichov (Oldřichovské háje a skály), a cui conduce il percorso naturalistico omonimo che inizia nel villaggio di Oldřichov. Oltre alle bellezze della natura, sul percorso incontrerete un castello rupestre di briganti e una scalinata scavata nella roccia che conduce alla sommità di blocchi di roccia alti circa 30 metri. Dalle cime si apre una magnifica veduta dei vasti dintorni, della Polonia e del crinale di Ještěd.



Ma la regione presenta luoghi interessanti anche per gli amanti della storia. La città più grande dei dintorni è Liberec, il centro della Boemia settentrionale. Ed è anche una località per gli sport invernali e non solo. Sul versante settentrionale dei Monti Iser trovate, ad esempio, la città di Frýdlant con un castello meraviglioso costituito da una fortezza medievale e da un castello rinascimentale che si erge su un massiccio roccioso sopra il fiume. È uno dei monumenti più importanti della Repubblica Ceca ed è stato aperto al pubblico nel 1801. Si tratta pertanto del primo museo di un castello dell'Europa centrale.

E non possiamo dimenticare nemmeno Hejnice. Questo paese si trova nelle vicinanze dei faggeti protetti. E perché venire qui? Oltre ad un ponte di pietra barocco e alle vecchie case di legno con piani a graticcio e tetti mansardati, merita sicuramente una visita anche la Basilica della Visitazione della Beata Vergine Maria con l’ex convento francescano, i chiostri e il giardino.