Come la Repubblica Ceca è diventata una nazione di ciclisti durante la quarantena

Come la Repubblica Ceca è diventata una nazione di ciclisti durante la quarantena

Il ciclismo è molto popolare nella Repubblica Ceca. Tuttavia, ciò che è accaduto durante la pandemia di coronavirus ha superato ogni aspettativa. Persone di tutte le età hanno letteralmente inondato il paese con le loro biciclette. Naturalmente, tutte indossando rigorosamente la mascherina, che per i cechi è obbligatoria. Date un'occhiata ai luoghi che percorrono. Quando le misure restrittive saranno abrogate, venite a provare gli stessi percorsi della gente locale. Vi daremo alcuni consigli intelligenti.

I cechi forse non brilleranno così tanto nel ciclismo professionistico internazionale, ma amano il ciclismo come attività ricreativa. Nei fine settimana, è molto frequente vedere automobili con le biciclette fissate sui tetti che lasciano le città per andare in campagna. Sorprendentemente, la pandemia del temuto coronavirus non ha fermato nulla, anzi, ha dato una spinta di proporzioni uniche a questa abitudine. Che cos’è successo in realtà?
Sebbene il governo ceco sia stato uno dei primi a prendere misure rigorose con l'insorgenza della pandemia, non è stato così severo come in molti altri paesi. Ai cechi è stato consigliato di non viaggiare e di non farsi visita. Centri commerciali, ristoranti, cinema e teatri, tutti i campi da gioco all'aperto, palestre e centri per fitness sono stati chiusi. All'inizio, le persone potevano uscire solo per comprare generi alimentari e medicine…, ma c'erano altre eccezioni. Potevano passeggiare nella natura, anche se, inizialmente, al massimo in coppia e indossando la mascherina.

Questo "lockdown" incompleto ha avuto un effetto quasi miracoloso. Ad eccezione delle case, gli unici spazi per l'attività fisica erano le piste ciclabili, i parchi e la natura. "La gente non voleva più stare a casa e, non potendo fare altro, è stata costretta ad uscire, passeggiare, correre, fare esercizio fisico e, soprattutto, andare in bicicletta. Quello che trovo interessante al riguardo è che persino le famiglie che non praticavano sport hanno finalmente iniziato a fare qualcosa", osserva la giornalista Tereza Robinson.
"Man mano che il raggio d'azione si riduceva notevolmente, le persone hanno iniziato a guardarsi attorno. La prima cosa che hanno visto è stata la bicicletta abbandonata nel garage o nello scantinato. E si è avverata in pieno la realtà che non siamo un popolo di calciatori, ma di ciclisti. Ho letto da qualche parte che fino a 6 milioni di persone nel nostro paese hanno una bicicletta", sottolinea Martin Huleja, esperto di marketing, comunicazione e gestione dello sport.

Molte persone sono tornate nei piccoli negozi e officine di riparazione di biciclette per solidarietà o semplicemente perché i grandi negozi erano chiusi da tempo. Mentre molti commercianti erano preoccupati di come portare avanti le proprie attività, i negozi sportivi e in particolare quelli di biciclette hanno improvvisamente registrato un boom senza precedenti.

"Stiamo assistendo a un forte aumento di clienti, dai quali apprendiamo che non andavano in bicicletta da anni e ora desiderano rifarlo. Si vendono molte più biciclette anche nella categoria ricreativa "più economica", ovvero da 450 a 600 euro. Si attrezzano intere famiglie e quindi vengono vendute anche molte biciclette per bambini", conferma Lukáš Princ, comproprietario del grande negozio praghese di articoli sportivi e noleggio biciclette Ski and Bike Centrum Radotín, che in estate vende biciclette ed in inverno sci.
La situazione è simile in molti altri grandi negozi/centri di noleggio di biciclette. Già all'inizio di maggio, hanno riferito di non riuscire a ricostituire le scorte e che, se fosse andata avanti così, presto non avrebbero avuto nulla da vendere.

Inoltre, i visitatori cechi e stranieri hanno il vantaggio che, in quasi tutte le parti del paese, ci sono migliaia di terreni belli e adatti a tutte le categorie di biciclette: da trekking, da strada e mountain bike. Nelle montagne che circondano la Repubblica Ceca praticamente su tutti i versanti, ci sono, ad esempio, terreni impegnativi per gli appassionati di mountain bike o per le e-bike. Le pianure nella zona dei laghetti della Boemia meridionale, intorno al fiume Elba ad est di Praga e nella regione vinicola della Moravia meridionale, vicino al confine austriaco, sono invece il luogo ideale per fare delle gite rilassanti. Molto popolari sono anche i percorsi romantici lungo i fiumi cechi.

Oggi, in molti in Repubblica Ceca si chiedono se l'attuale boom di gite in bicicletta sia solo un fenomeno temporaneo o duraturo. Potrebbe essere la grande rinascita del tempo libero trascorso con la propria famiglia nella natura, a piedi o in bicicletta? Qualcosa suggerisce che almeno in parte sia così.
"Secondo me, molte persone, col tempo, torneranno nelle loro palestre, sale da ballo e palazzetti dello sport. Ma non sarà un ritorno così rapido e certamente non di tutte le persone. Anche perché ci sono ancora molti fattori limitanti nelle strutture sportive, come docce e spogliatoi chiusi, ecc. Forse molte persone apprezzeranno la magia delle gite in famiglia", afferma il presidente della Federazione ceca del pattinaggio a rotelle e membro della Federazione ciclistica, Martin Máčel.

 "La cosa positiva è che anche i bambini si muovono e non stanno sempre seduti a casa, forse alcuni di loro potrebbero continuare con l'attività fisica anche dopo l'abrogazione di tutte le restrizioni. Molti adulti, poi, si rendono conto che potrebbero anche andare al lavoro in bicicletta", afferma Lukáš Drvota, ciclista entusiasta, elaborando ulteriormente il concetto: "Forse le persone in generale potrebbero imparare a rallentare e non correre sempre da qualche parte per guadagnare o fare grandi imprese".


Dove si può andare in bicicletta in Repubblica Ceca per seguire le orme della gente locale?

Suggerimento 1 Intorno al fiume Sázava

Si può iniziare terminando il bellissimo percorso a sud di Praga, intorno al fiume Sázava, a Luka pod Medníkem. Passerete davanti alle vecchie gallerie minerarie e al viadotto ferroviario, attraverserete i vecchi insediamenti utilizzati per il "tramping" e, soprattutto, ammirerete decine di splendide vedute della valle del fiume Sázava.

Suggerimento 2 Nella regione dei laghetti in Boemia meridionale

Il percorso intorno a molti laghetti della Boemia meridionale è adatto ai veri amanti della tranquillità e dell'acqua. Da Lomnice nad Lužnicí vi potete dirigere a est. Il clou del viaggio sono le bellissime dighe del sistema di laghetti Nadějská, fondato nel 1577 dall'allora famoso costruttore di laghetti Jakub Krčín di Jelčany. Passerete davanti a laghetti con nomi speciali ("Buona azione", "Amore", "Buona Volontà", "Fede").

Suggerimento 3 Intorno ai castelli della regione Haná

Il percorso in Moravia, nella parte orientale della Repubblica Ceca, inizia a Náměšť na Hané e conduce attraverso le regioni Haná e Drahanská vrchovina. Passerete accanto ai castelli di Náměšť, Čechy pod Kosířem, Plumlov e a una vecchia fortezza e concluderete la gita presso la bellissima torre panoramica di Kopaninka, da dove, in caso di bel tempo, si possono ammirare le magnifiche vedute dei Monti Jeseníky dei Monti Hostýnské.