Invenzioni ceche che aiutano in cucina e a curarsi

Invenzioni ceche che aiutano in cucina e a curarsi

Lo Stato cecoslovacco è rimasto chiuso al mondo circostante per decenni. L’occupazione nazista venne sostituita dalla dittatura comunista. Il contatto con i paesi stranieri era ridotto al minimo e, per sopravvivere in un paese isolato, si ricorreva spesso all'improvvisazione. La gente si metteva in fila per acquistare generi alimentari di base nei negozi ed era estremamente difficile trovare qualcosa di "esotico" come un forno. I cechi più ingegnosi inventarono la pentola-forno e un modo per realizzare lenti a contatto in casa. Anche durante la pandemia di coronavirus, i cechi sono riusciti a cavarsela e le loro idee originali portano aiuto in tutto il mondo.

Sorpresa natalizia

Negli anni '50, il chimico Otto Wichterle svolse una ricerca sui materiali che potevano essere usati per realizzare lenti a contatto. All'epoca esistevano solo lenti molto irritanti per gli occhi e non comode da indossare. Il suo collaboratore, Drahoslav Lím, sviluppò un gel rimodellabile in grado di assorbire bene l'acqua. Wichterle era convinto che presto sarebbe stato possibile utilizzare questo materiale per la produzione di lenti a contatto morbide, ma il ministero della Salute fermò la ricerca perché la riteneva inefficace. Tuttavia, Wichterle non si arrese e, durante il Natale del 1961, mentre era a casa con la sua famiglia, pensò di usare le costruzioni per bambini. Con alcuni pezzi di lamiera costruì una "macchina per lenti a contatto" in cui fuse le prime quattro lenti. Gli fu subito chiaro che quella era la strada giusta. L'interesse per le sue lenti a contatto sempre più perfette aumentava e, nel 1963, l'invenzione fu brevettata. Due anni dopo, l'Accademia delle scienze cecoslovacca firmò un contratto di licenza con la società americana National Patent Development Corporation.

Una torta in pentola

L’ostinazione fu di aiuto anche all'elettricista Oldřich Homuta. All'inizio degli anni '50 si recò in Svezia, dove rimase affascinato da una pentola elettrica in cui si potevano cucinare zuppe o carne. Dopo essere tornato in Cecoslovacchia, pensò a come migliorare questo strumento pratico. Homuta sviluppò il primo prototipo di "Remoska" nel 1957. Si trattava di un piccolo "forno portatile" con coperchio. Il calore si irradiava dall'alto e ai lati, il che permetteva al cibo di non attaccarsi all'interno. Le casalinghe di tutta la Cecoslovacchia acquistarono subito questo abile "aiutante da cucina". Quando in estate si recavano alla loro casa di villeggiatura con la famiglia, con questa pentola elettrica non solo potevano cucinare i piatti principali, ma anche le torte. Nel 1989, dopo l'apertura delle frontiere cecoslovacche, la "Remoska" iniziò ad essere venduta anche all'estero e nel 2001 fu donata al Principe Carlo per il suo compleanno. Cinque milioni di famiglie in tutto il mondo possiedono questa pentola pratica. Al Museo tecnico nazionale di Praga potete ammirare non solo la "Remoska", ma anche la macchina per lenti a contatto di Otto Wichterle e una serie di altre invenzioni ceche.

Record mondiale

La tradizione del bricolage ceco ha dato un aiuto anche durante la crisi causata dalla pandemia di coronavirus. L'imprenditore Josef Průša ha inventato una visiera protettiva per gli operatori e gli assistenti sanitari. Si interessa fin dall'infanzia ad invenzioni varie. Durante gli studi presso l'Università di Economia, ha iniziato a dedicarsi alle stampanti 3D. Sapeva che si trattava di un settore in progresso che poteva conquistare molti sostenitori nella Repubblica Ceca; tuttavia, le stampanti dell'epoca erano troppo grandi e inaccessibili per gli amanti del bricolage. Průša ne ha sviluppato un tipo più piccolo ed economico e presto ha conquistato migliaia di clienti in tutto il paese e all'estero. Nel 2012 ha fondato l'azienda Prusa Research a.s., che, sei anni dopo, è stata nominata la società tecnologica dalla crescita più rapida in tutta l’Europa centrale. Sette anni dopo, questo imprenditore di successo ha costruito una "fattoria di stampa" a Praga, dove funzionano contemporaneamente mille stampanti. Grazie a questo, è entrato nel Guinness dei primati. Průša e il suo team sono attivi sin dall'inizio della crisi causata dalla pandemia di coronavirus nella primavera del 2020. Ha capito immediatamente che il personale ospedaliero aveva bisogno della massima protezione pratica e ha progettato una visiera protettiva di plastica che poteva essere prodotta con una stampante 3D. Průša ha pubblicato le istruzioni su internet, che sono state scaricate gratuitamente da 250 000 amanti del bricolage di tutto il mondo, i quali poi sono stati in grado di stampare visiere per gli operatori sanitari. In meno di tre mesi, il team di Průša ha prodotto 160 000 visiere che ha donato al personale di ospedali e servizi sociali.

Una bottiglia insolita

Tuttavia, le idee originali non nascono solo nelle aziende; durante la pandemia, anche gli esperti delle università hanno offerto il loro aiuto. A metà marzo, Vojtěch Petráček, fisico nucleare ceco e rettore dell'Università tecnica ceca, ha pubblicato un video che mostra come si può realizzare una maschera protettiva utilizzando una comune bottiglia di plastica. Subito dopo, ha inventato insieme ai colleghi un modello più sofisticato la cui parte principale è costituita da una maschera per lo snorkeling a cui è collegato un filtro. Il vantaggio è che questo dispositivo di protezione copre l'intero viso ed è efficace al 99%. Il team universitario di Vojtěch Petráček ha anche sviluppato il ventilatore polmonare CoroVent e ha fornito una licenza temporanea gratuita, in modo che potesse essere prodotto da privati ​​o aziende nella Repubblica Ceca e all'estero. Questo dispositivo ha caratteristiche simili al ventilatore utilizzato negli ospedali, ma è più facile da usare. Anche gli ingegneri dell'Università tecnica di Liberec miravano alla semplicità e hanno presentato al pubblico maniglie realizzate con stampanti 3D. Questi dispositivi consentono al personale ospedaliero di aprire le porte non con i palmi delle mani, ma con il gomito, riducendo il rischio di infezione.