Il rilancio del design ceco nel mondo

Il rilancio del design ceco nel mondo

HomeWhat's NewIl rilancio del design ceco nel mondo
Il designer ceco Michal Froněk ha partecipato al rinnovamento di venti marchi famosi. Il cofondatore dell'azienda Olgoj Chorchoj ha disegnato i bicchieri da birra per la Plzeňský Prazdroj, venduti in Europa e oltre Oceano. Il suo team ha inventato un coltellino tascabile realizzato con materiale riciclato, nell'ambito di una collaborazione tra l'azienda globale Nespresso e l'azienda ceca locale Mikov. "Qui da noi ci sono molte fabbriche di marca che producono design di qualità da decenni. C'è sicuramente tanto a cui rifarsi e tanto da innovare", ha affermato Froněk.
Lei viaggia molto in tutto il mondo. Che cosa viene in mente alle persone quando si parla di "design ceco"?
Dipende dal luogo in cui si fa questa domanda, in Giappone, ad esempio, sono molto conosciuti la musica classica ceca, la letteratura ceca e anche il cristallo di Boemia. Apprezzano da anni la nostra qualità e non è un problema presentare i nostri marchi lì da loro. Tuttavia, se questa domanda si pone in America o in Europa, la situazione è diversa, perché sono più conosciuti, ad esempio, la casa automobilistica Škoda e il birrificio Plzeňský Prazdroj. Si tratta di aziende che esportano all'estero da decenni. Negli ultimi trent'anni, la comunità dei designer nel nostro paese è cambiata in modo sostanziale. Dopo la caduta del regime comunista in Boemia nel 1989, la situazione era molto complessa. Le aziende ceche tradizionali se la passavano male. Cambiarono i proprietari, la produzione si interruppe e molti marchi scomparvero. Alcuni hanno superato questo periodo difficile, hanno proposto nuove idee e grazie a ciò hanno mantenuto una clientela stabile e acquisito nuovi clienti. Sono inoltre sorte nuove aziende, oggigiorno note a livello internazionale, come la vetreria Lasvit e il produttore di lampade Brokis.


 
Ha menzionato la Plzeňský Prazdroj. Che cosa ha creato per questo celebre birrificio?
Diciotto anni fa abbiamo disegnato un bicchiere da birra speciale, il cosiddetto goblet. Il compito era chiaro: creare un prodotto che contribuisse a portare la birra nell'alta gastronomia, dove la qualità è importante. I boccali da birra non sono adatti ai gourmet, quindi abbiamo ideato per l'azienda un bicchiere a stelo lungo in tritan. Questo tipo di calice è molto sottile e resistente e – soprattutto – la schiuma della birra resta più a lungo stabile. Questo bicchiere è venduto in tutto il mondo e vanta già circa 30 milioni di clienti.
 
Interessante è stata anche la collaborazione con l'azienda ceca Mikov, che produce coltelli dal XVIII secolo. Molte generazioni di cechi conoscono il loro coltellino tascabile a forma di pesce. Cosa rende diverso il vostro modello?
Nel 2018 siamo stati contattati dall'azienda Nespresso, che ha unito le forze proprio con la Mikov. Volevano che trovassimo un modo per utilizzare l'alluminio riciclato delle capsule di caffè. Abbiamo così inventato una nuova versione del leggendario coltellino a forma di pesce. Questo modello è prodotto dalla Mikov dagli anni '20 del secolo scorso ed è probabilmente noto a tutti in Repubblica Ceca. Il nostro modello ha il manico proprio in alluminio riciclato. Il sito Web di Nespresso offre un'edizione limitata di cinquemila pezzi e il ricavato delle vendite andrà in beneficenza.


 
Lei ha anche partecipato alla fondazione dell'azienda di orologeria Bohematic. L'offerta comprende orologi da uomo che prendono il nome dal designer ceco Ladislav Sutnar. Che cosa Le piace in particolare di lui?
Ladislav Sutnar è una leggenda del design cecoslovacco. Lavorò per marchi famosi, nel 1939 emigrò in America, dove proseguì con successo nel settore. Nel 1958 creò l'alfabeto che abbiamo usato per la serie Graphic – Sutnar. Il tipografo Tomáš Brousil è partito dalle lettere e dai numeri di questo alfabeto usando alcuni di essi sul quadrante e sulla lancetta. Mi piace il fatto che il marchio Bohematic combini le tradizionali tecniche dell'orologeria con un design moderno. I singoli componenti dell'orologio sono prodotti un po’ in tutta Europa, la fase finale viene eseguita qui nella Repubblica Ceca.
 
Abbiamo parlato di prodotti locali di tutta la Repubblica Ceca. Dove inviterebbe i visitatori stranieri che desiderano scoprire come si produce il design ceco di qualità?
Dovrebbero assolutamente andare a Karlovy Vary, dove la vetreria Moser di fama mondiale è attiva fin dalla metà del XIX secolo. Sarebbe molto interessante anche un'escursione presso l'azienda di mobili Ton, che ha una fabbrica a Bystřice pod Hostýnem in cui si può osservare come si piega il legno per ricavarne delle sedie. Molto bello è anche il museo dell'azienda calzaturiera Baťa a Zlín, nonché l'azienda Engelmüller, che continua la produzione di guanti a Dobříš. E vale sicuramente la pena visitare lo stabilimento automobilistico Škoda. Sono stato di recente in una fabbrica Mazda e oserei dire che la Škoda è molto più interessante e moderna. Quindi, se vi interessa il lavoro dei designer, nella Repubblica Ceca c'è sicuramente l'imbarazzo della scelta.