Le rarità delle grotte ceche

Le rarità delle grotte ceche

Dove andare per ammirare curiosità e vivere esperienze nel sottosuolo

HomeWhat's NewLe rarità delle grotte ceche
Abissi misteriosi, speleotemi e disegni risalenti a circa 6.000 anni fa: questo è solo un piccolissimo elenco di ciò che vi aspetta nel sottosuolo ceco. Andate alla scoperta dei segreti nascosti alla vista dell’uomo e scendete negli abissi, nelle grotte, nelle formazioni carsiche e nelle gole ceche. Il 2021 è l'Anno internazionale delle grotte e del carsismo.

Una galleria d'arte della preistoria

Anche le persone che vivevano molte migliaia di anni fa avevano bisogno di creare ed esprimersi attraverso l'arte. In Repubblica Ceca trovate delle vere e proprie gallerie d’arte della preistoria, come la Kateřinská jeskyně (Grotta di Caterina) nel Carso Moravo, non lontano da Brno. Il disegno più antico della Repubblica Ceca risale a circa sei o settemila anni fa. Si tratta di linee nere su una pietra massiccia che, a causa della sua superficie rugosa, è soprannominata Mozek (Cervello). Nell'età della pietra, potrebbe essere stata utilizzata come pietra di culto che gli antichi abitanti della Grotta di Caterina nel Carso Moravo avrebbero decorato artisticamente con colori ricavati dalla cenere. Quando vi trovate nella Grotta di Caterina, guardatevi intorno. Con una lunghezza di 97 metri, una larghezza massima di 44 metri e un'altezza di 20 metri, la Cupola principale di questa grotta è il più grande spazio sotterraneo accessibile al pubblico di tutta la Repubblica Ceca.

La grotta come luogo rituale

Il Carso Moravo è pieno di sorprese. E una di queste fu celata fino alla seconda metà del XIX secolo nella grotta chiamata Býčí skála (Roccia del Toro). Era avvolta nel mistero da tempo immemorabile, ma, circa 150 anni fa, gli scienziati riuscirono a capire esattamente di cosa si trattava. Qui, gli archeologi scoprirono il cosiddetto tumulo di Hallstatt, associato a sacrifici umani. Nel V secolo a.C., vi fu sepolto un grande nobile insieme ai suoi servi, a 40 mogli e ai cavalli. E perché la grotta si chiama “del Toro”? Perché qui fu rinvenuta una statuetta di un toro in bronzo, che oggi rappresenta il simbolo della cosiddetta epoca di Hallstatt.

Una grotta top secret

Nel Carso Moravo, non lontano da Brno, c'è un'altra grotta eccezionale chiamata Výpustek. È uno spazio sotterraneo molto interessante dalla storia ricca e insolita. La gente la visitava già nel Medioevo, ma divenne famosa solo dopo la seconda guerra mondiale. Qui si trovava infatti una fabbrica segreta nazista che produceva componenti per i motori degli aerei. Oggi, nella grotta si trova anche l’edificio del quartier generale dell'esercito, che è ancora funzionante, ma non viene più utilizzato per il suo scopo originario. Durante la visita della grotta, avrete l'opportunità di scoprire un po’ di storia, anche se non così antica come quella della Grotta di Caterina.

La grotta allagata di acqua dolce più profonda del mondo

Durante il nostro viaggio nel sottosuolo, resteremo ancora in Moravia. Proprio nei pressi di Hranice, una città non lontana da Olomouc, si trovano le stupende Grotte di aragonite di Zbrašov, che si possono visitare nella stagione estiva. E non dimenticate che nelle vicinanze si trova l’Abisso di Hranice. Contando anche il suo fondo allagato, è l'abisso più profondo sia della Repubblica Ceca che di tutto il mondo. Sembra addirittura che non abbia nemmeno un fondo, poiché, fino ad ora, tutti i tentativi di misurarlo sono falliti. L'ultimo dato verificato è di 404 metri, ma gli esperti ritengono che possa arrivare fino a 800 metri.

Decorazione eccezionale di speleotemi

Durante le escursioni nel sottosuolo ceco, non dobbiamo dimenticarci delle Grotte di Koněprusy, a sud-ovest di Praga. Si tratta di uno dei più grandi sistemi di grotte della Repubblica Ceca, sorto nei calcari devoniani risalenti a 400 milioni di anni fa. Le grotte sono aperte al pubblico dal 1959 e, durante la visita, potrete ammirare decorazioni di speleotemi sui due piani accessibili. Le grotte sono uniche per la loro decorazione in calce naturale che ricorda i cavoletti di Bruxelles. Questa rarità formata da calcite e calcedonio risale a più di 1,5 milioni di anni fa. Alcune delle rosette contengono grani o strati di opale chiaro o lattiginoso. L'opale si trova anche in altre grotte, ma le rosette con opale sono uniche al mondo. Sono un residuo di epoche remote, quando sulla superficie terrestre terminò il clima tropicale e subtropicale.

Nei sotterranei con la barchetta

Fate un giro per le Grotte di Punkva! Anche queste si trovano nel Carso Moravo, a nord di Brno. Camminerete tra cupole massicce e corridoi con decorazioni di speleotemi e arriverete fino sul fondo dell'abisso Macocha. A proposito, l’abisso è molto fotogenico! Tuttavia, le Grotte di Punkva hanno guadagnato la loro popolarità grazie al fatto che in esse si può fare un giro romantico in barchetta sul fiume sotterraneo Punkva, che rappresenta un'esperienza indimenticabile che sarà apprezzata non solo dai bambini, ma anche dagli adulti.

Alla ricerca della fauna preistorica

A nord della Moravia, nei pressi della città di Štramberk, si trova una grotta poco appariscente, ma molto  preziosa. Si chiama Šipka (Freccia) e, alla fine del XIX secolo, nelle sue viscere fu fatta una scoperta importante. Qui furono rinvenuti la mascella di un bambino di Neanderthal e vari oggetti dell'età del bronzo. La grotta era infatti abitata da cacciatori preistorici di selvaggina e nei suoi sedimenti furono trovati ossa e denti di animali, tra cui un orso delle caverne, un leone delle caverne, una iena, un rinoceronte lanoso, un mammut, un bisonte, un uro, un bue muschiato, un leopardo, un ghiottone, una renna o un alce. In pratica, animali che oggi non incontrate di certo nei boschi cechi.