Il soldato ceco Švejk provoca i lettori ormai da cento anni

Il soldato ceco Švejk provoca i lettori ormai da cento anni

Lo scherno letterario dello sforzo bellico

HomeWhat's NewIl soldato ceco Švejk provoca i lettori ormai da cento anni
Cento anni fa, lo scrittore Jaroslav Hašek pubblicò un romanzo il cui protagonista era Josef Švejk, un soldato semplice che commentava l'assurdità della prima guerra mondiale e si faceva beffe della macchina militare. L'umorismo, la satira politica, ma anche il tentativo di ribellarsi ai soprusi dei potenti sono ancora apprezzati dai lettori in Europa e oltre Oceano.

IL BOHÉMIEN IMPEGNATO

Il primo volume del romanzo in quattro tomi "Il buon soldato Švejk" fu pubblicato nel 1921 e non ci si aspettava che sarebbe diventato un successo letterario. Il bizzarro protagonista scandalizzò i lettori parlando in modo molto critico non solo dei suoi superiori, ma anche della politica. Non ci volle molto e l'umorismo e l'ironia molto originali di quest'opera letteraria conquistarono ammiratori in tutto il mondo. L'autore del libro nacque nel 1883 a Praga. Fece diversi lavori, ma alla fine divenne famoso come giornalista di quotidiani e settimanali cechi. Si ispirava non solo alla vita quotidiana in città, ma anche alle varie avventure vissute nelle caffetterie e nelle osterie. Nel 1911, Jaroslav Hašek fondò e si candidò come membro del "Partito del progresso moderato entro i limiti della legge", che intendeva parodiare le tornate elettorali e la vita pubblica e politica dell'epoca.

LO STUPIDO INTELLIGENTE

Dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, Hašek dovette arruolarsi e andare sul fronte galiziano in Russia, dove cadde prigioniero. Poco dopo, si unì alle legioni cecoslovacche, quindi passò all'Armata Rossa abbracciando le idee socialiste. Nel 1920 tornò a Praga e al suo stile di vita bohémien, iniziando a lavorare sul personaggio di Švejk. Il primo volume fu pubblicato nel 1921 e gli altri tomi seguirono fino al 1923. I lettori e gli esperti letterari si chiedono ancora oggi come caratterizzare il protagonista. Alcuni pensano che sia uno stupido, mentre altri affermano che finge soltanto di essere stupido. In ogni caso, Švejk riesce a cavarsela facilmente in qualsiasi situazione e, grazie a ciò, è nato il neologismo "švejkování", che viene utilizzato quando qualcuno finge di non capire gli ordini che gli sono impartiti e cerca di eluderli in ogni modo.

SATIRA BELLICA

Il famoso romanzo è stato pubblicato in 58 lingue, esistono adattamenti cinematografici, teatrali e radiofonici. Ogni comunità di lettori percepisce il protagonista da una prospettiva diversa. "Il romanzo di Hašek è il libro ceco più famoso e più pubblicato. Fu pubblicato per la prima volta negli anni '60 e conquistò il pubblico non solo per l'umorismo, ma anche perché forniva ai lettori tantissime informazioni sulla prima guerra mondiale, a cui gli spagnoli non avevano preso parte. La generazione più anziana di lettori percepisce anche alcuni paralleli storici. Švejk prende in giro il militarismo, così come gli spagnoli che associano questa reazione al regime franchista", afferma Stanislav Škoda, direttore del Centro ceco di Madrid.

UN ALTRO PUNTO DI VISTA

Il romanzo di Hašek è stato accolto in modo diverso in Germania, dove la prima traduzione fu pubblicata nel 1926. La traduttrice si chiamava Grete Reiner-Straschnow-Stein e, vivendo a Praga, conosceva molto bene l'ambiente in cui si muoveva l'autore. "La Stein creò un linguaggio particolare che purtroppo rese Švejk un personaggio molto più ridicolo dell'originale ceco. Solo nel 2014 è stata pubblicata la nuova traduzione di Antonín Brousek, che ha permesso ai lettori tedeschi di conoscere il "vero" Švejk", spiega Frances Jackson, drammaturga del Centro ceco di Monaco di Baviera, autrice della discussione online "L'inverno con Švejk".

LA DERISIONE DEGLI ORDINI

Il soldato ceco conta ammiratori anche in Estremo Oriente; in Giappone, ad esempio, Švejk fu pubblicato per la prima volta nel 1930. "Per i lettori giapponesi è principalmente un romanzo umoristico contro la guerra, basato sulla traduzione tedesca. Švejk è percepito come una persona gioviale che prende in giro i suoi superiori. A proposito: durante la seconda guerra mondiale, la pubblicazione del libro di Hašek fu vietata, così come quella di qualsiasi altro libro in lingua straniera. Si promuoveva solo tutto ciò che era giapponese", dice il nipponista Petr Holý, aggiungendo che la storia di un soldato semplice ceco ha una risonanza su più livelli nel mondo letterario proprio perché rispecchia in modo universale l'assurdità della guerra.
Švejk ha svolto un ruolo interessante in Corea. La traduzione del romanzo di Hašek "Il buon soldato Švejk" del 1983 è la prima traduzione puramente coreana di un'opera ceca. Il traduttore Kang Hung Ju, professore di letteratura russa presso l'Università coreana di studi stranieri di Seul, probabilmente ha usato sia l'originale ceco che la sua traduzione tedesca.