Condizioni di ingresso dal 1° giugno 2021

Condizioni di ingresso dal 1° giugno 2021

HomeNovitàCondizioni di ingresso dal 1° giugno 2021
La Repubblica Ceca è pronta ad accogliere i turisti! I viaggi non essenziali sono ora consentiti dai Paesi verdi e dalle persone provenienti da Germania, Polonia, Slovacchia, Austria, Slovenia, Ungheria e Croazia. Tutti gli altri viaggi non essenziali sono ancora temporaneamente vietati.

Paesi a basso rischio (conosciuti come Paesi verdi)

Elenco dei Paesi: Unione d’Australia, Repubblica d’Islanda, Israele, Repubblica di Corea, Repubblica di Malta, Nuova Zelanda, Repubblica di Singapore, Regno di Thailandia, Stato della Città del Vaticano
 
Nessuna restrizione all’ingresso nella Repubblica Ceca (ma è comunque necessario rispettare le condizioni per i singoli ristoranti, hotel, ecc.)

Paesi a medio rischio (noti come Paesi arancioni)

Elenco dei Paesi: Repubblica di Bulgaria, Repubblica di Finlandia, Repubblica d’Irlanda, Repubblica italiana, Principato di Liechtenstein, Repubblica di Ungheria, Principato di Monaco, Regno di Norvegia, Repubblica di Polonia, Repubblica portoghese (comprese le Azzorre e Madeira), Repubblica d’Austria, San Marino, Repubblica di Romania, Isole Baleari e Isole Canarie.
 
I visitatori provenienti dai Paesi arancioni non possono entrare nella Repubblica Ceca per turismo.
 
Tutte le persone che hanno soggiornato in uno dei Paesi arancioni per più di 12 ore negli ultimi 14 giorni devono rispettare le seguenti condizioni di ingresso:
  • Compilare e presentare il modulo online (https://plf.uzis.cz/) per l’ingresso nella Repubblica Ceca prima di entrare nella Repubblica Ceca (la prova di accettazione del modulo deve essere stampata o online, NON solo SMS).
    • Non si applica ai bambini sotto i 5 anni o a quelli che hanno già avuto la COVID.
    • Le persone che hanno già avuto la COVID devono avere un certificato medico, che includa: nome e cognome del paziente, data di nascita, indirizzo di residenza e informazioni che la persona è guarita dalla COVID. Sulla base di questa conferma, la persona può entrare nella Repubblica Ceca entro 180 giorni dalla data del test positivo per la COVID.
  • Prima di entrare nella Repubblica Ceca, è necessaria una conferma (in inglese) di un test antigenico negativo (eseguito non più di 24 ore prima dell’inizio del viaggio (partenza di un aereo)) o un test PCR (eseguito non più di 72 ore prima dell’inizio del viaggio (partenza di un aereo)). I risultati dei test devono provenire da un laboratorio accreditato (NON saranno accettati autotest). Un link all’elenco dei test antigenici che saranno riconosciuti negli Stati membri dell’Unione Europea è disponibile qui.
    • Invece di quanto sopra, è possibile presentare un certificato in inglese di copertura da COVID-19 stilato da un medico che opera nella Repubblica Ceca o nell’UE, se:
      • Non si hanno sintomi di COVID-19, ed è stato superato il periodo di quarantena specificato dopo un test positivo, e sono passati più di 14 giorni e meno di 180 giorni dal primo test PCR positivo.
Tutte le persone che entrano nella Repubblica Ceca da Paesi arancioni dovranno comunque osservare le condizioni dei singoli ristoranti, hotel, ecc.

Paesi ad alto rischio (conosciuti come Paesi rossi)

Elenco dei Paesi: Principato di Andorra, Regno del Belgio, Regno di Danimarca, Repubblica di Estonia, Repubblica francese, Repubblica di Croazia, Repubblica di Cipro, Repubblica di Lituania, Repubblica di Lettonia, Granducato di Lussemburgo, Regno dei Paesi Bassi, Repubblica ellenica, Repubblica slovacca, Repubblica di Slovenia, Repubblica federale di Germania, Regno di Spagna, Regno di Svezia, Confederazione elvetica
 
I visitatori provenienti dai Paesi rossi non possono entrare nella Repubblica Ceca per turismo.
 
Tutte le persone che hanno soggiornato in uno dei Paesi rossi per più di 12 ore negli ultimi 14 giorni devono rispettare le seguenti condizioni di ingresso:
  • Devono rispettare tutte le condizioni elencate per i Paesi arancioni.
  • Inoltre, dopo essere entrati nel territorio della Repubblica Ceca, devono superare un test PCR a loro spese entro un massimo di 5 giorni. Fino a quando non è ricevuto il risultato negativo, devono “auto-isolarsi”, il che significa che la persona deve rimanere in una struttura di alloggio che è stata menzionata nel modulo di iscrizione. La persona può lasciare l’hotel solo per motivi di emergenza, come procurarsi del cibo o per motivi di salute.
Tutte le persone che entrano nella Repubblica Ceca da Paesi rossi dovranno comunque osservare le condizioni dei singoli ristoranti, hotel, ecc.

Paesi ad altissimo rischio (noti come Paesi in rosso scuro)

Elenco dei Paesi: tutti gli altri Paesi UE e non UE.
 
I visitatori provenienti dai Paesi in rosso scuro non possono entrare nella Repubblica Ceca per turismo.
 
Tutte le persone che hanno soggiornato in uno dei Paesi in rosso scuro per più di 12 ore negli ultimi 14 giorni devono rispettare le seguenti condizioni di ingresso:
  • Devono rispettare tutte le condizioni elencate per i Paesi arancioni, con una eccezione. Prima di entrare nella Repubblica Ceca, i viaggiatori provenienti da Paesi in rosso scuro possono presentare solo un test PCR - non un test antigenico - eseguito non più di 72 ore prima dell’inizio del viaggio. La conferma in inglese dei risultati dei test PCR deve provenire da un laboratorio accreditato (NON saranno accettati autotest).
  • Inoltre, è necessario sottoporsi a un test PCR non prima del 5° giorno, ma non oltre il 14° giorno dall’ingresso nella Repubblica Ceca. Fino all’annuncio del risultato negativo, si applica l’“autoisolamento”, cioè...
Eccezioni di vaccinazione
Le persone che sono state vaccinate contro la COVID-19 in Repubblica Ceca, Slovacchia, Germania, Austria, Polonia, Ungheria, Slovenia e Croazia non devono sottoporsi ai test PCR. Questi viaggiatori devono fornire la conferma della vaccinazione contro la COVID-19 in inglese e allo stesso tempo:
  • Non meno di 22 giorni e non più di 3 mesi dalla prima dose di vaccino (per i vaccini a due dosi).
  • Il ciclo di vaccinazione a due dosi è stato completato, e sono passati meno di 9 mesi da quando è stata somministrata la prima dose.
  • Non meno di 14 giorni e non più di 9 mesi dopo la somministrazione di un vaccino monodose.
Queste persone non devono sottoporsi all’autoisolamento dopo essere entrate nel territorio della Repubblica Ceca. In caso di test positivo dopo l’arrivo nella Repubblica Ceca:
  1. Uno straniero che ha dovuto compilare un modulo prima di arrivare nella Repubblica Ceca ha fornito il suo luogo di residenza. Dopo aver eseguito il test PCR, si sposteranno a quell’indirizzo per autoisolarsi. Se il test PCR è positivo, devono rimanere in quella residenza. Saranno contattati dalla KHS (Stazione Regionale d’Igiene) e sarà loro ordinata la quarantena per 14 giorni.
    1. Se non c’è mutazione (ad esempio varianti trovate in Brasile, Sudafrica, India) e il viaggiatore è stato in quarantena negli ultimi 3 giorni, la quarantena termina automaticamente il giorno 15 (il giorno del test è il giorno 0).
    2. Se c’è una mutazione, che KHS notificherà durante la prima chiamata, la quarantena sarà terminata solo dopo un test PCR negativo in consultazione con KHS - la durata della quarantena sarà determinata individualmente con KHS in caso di test positivi. Le stesse condizioni saranno applicate in caso di test positivo richiesto per il ritorno nel paese d’origine.
  2. Per i cechi di ritorno dall’estero si applicano le stesse regole, solo che invece di KHS comunicheranno con il loro medico di base.
I visti sono concessi solo alle ambasciate della Repubblica Ceca dai Paesi a basso rischio (Paesi verdi). Non vi sono eccezioni per il turismo. Solo i visitatori provenienti dai Paesi verdi possono viaggiare per motivi di turismo, gli altri possono viaggiare solo per motivi specifici menzionati sopra.