Il romanticismo nella "dacia" - godetevi la tipica campagna ceca

Il romanticismo nella "dacia" - godetevi la tipica campagna ceca

Una vecchia casa di campagna, una casa di legno in prossimità di un bosco o una baita in collina. Questo è l'aspetto dei luoghi di vacanza più popolari per i cechi. Durante la crisi causata dalla pandemia di coronavirus, i cechi sono tornati alle case di campagna o alle "dacie" di famiglia, e non solo per essere il più lontano possibile da un'eventuale infezione in città. Tuttavia, il romanticismo rurale attira anche turisti da tutto il mondo che desiderano tornare alla natura.

Alla fine del XIX secolo, i cechi iniziarono ad interessarsi alla propria cultura e storia. Nel 1881 fu fondato il Club dei turisti cechi (Klub českých turistů), che presto conquistò migliaia di sostenitori. I membri del club organizzavano escursioni nella natura circostante e, con lo sviluppo della rete ferroviaria, furono aggiunti altri luoghi che i turisti potevano visitare. Per la comunità ceca, la passione per la campagna era anche associata all'identità nazionale e all'interesse per il folklore e l'architettura popolare. La passione per le dacie e le case di campagna si sviluppò soprattutto dopo la seconda guerra mondiale. I giovani si trasferivano nelle città e la popolazione rurale invecchiava. A volte, le fattorie e gli altri edifici rurali erano in pessime condizioni tecniche, ma i giovani desideravano avere un posto piacevole dove andare in vacanza con i bambini. Riparavano le dacie e le case di campagna per avere uno spazio le vacanze.

L'era del bricolage

Dopo il 1948, il regime comunista limitò le possibilità di viaggiare al di fuori della Cecoslovacchia; pertanto, la maggior parte dei cittadini non poteva scegliere il luogo di villeggiatura. Cominciarono così a costruire le seconde case in campagna. I proprietari degli edifici dovettero improvvisare, perché mancavano i materiali da costruzione. Tuttavia, gli abili amanti del bricolage furono in grado di trasformare anche i vagoni ferroviari o i barilotti di birra in case di campagna dei sogni. Nel novembre del 1989 si verificarono cambiamenti politici fondamentali e la Cecoslovacchia si riaprì al mondo. Dopo i primi anni di euforia e interesse per le vacanze all'estero, è tornata la tendenza di trascorrere il tempo libero e le vacanze nelle dacie e nelle case di campagna. Anche se oggi una vacanza in campagna è diversa da com'era prima.

La seconda casa

Molti cechi, infatti, hanno trasformato le proprie dacie e case di campagna in luoghi in cui non solo possono rilassarsi, ma anche lavorare grazie alla connessione a internet. Dopo la Svezia, la Repubblica Ceca è uno dei paesi con il maggior numero di seconde case per le vacanze in Europa. Il 36% dei cechi possiede un bene immobile per le vacanze. Il fascino delle dacie e delle case di campagna ristrutturate attira anche turisti dall'estero. Potete prendere in affitto una casa di legno nel bosco e godervi un tranquillo fine settimana romantico o prenotare una dacia di campagna per tutta la famiglia, dove troverete tutto il comfort per rilassarvi e lavorare. Sicuramente non mancheranno occasioni per fare delle gite, perché in Repubblica Ceca è presente una delle reti più fitte di sentieri escursionistici al mondo, che conta un totale di oltre 40mila chilometri.

Tradizione rurale

Le dacie e le case di campagna ceche affascinano non solo per il loro aspetto, ma anche per la loro storia familiare. Molti proprietari hanno adattato le loro case allo stile di vita moderno, conservandone tuttavia il carattere rurale. Una di queste è, ad esempio, la "Růžová chalupa u Šimánků" (Dacia rosa degli Šimánek), nel villaggio di Rtyně, distretto di Trutnov, costruita nel 1857. Questa casa a due piani con facciata decorata ha una capienza di 24 persone e all'interno è arredata con mobili di campagna in legno. La cucina dispone di elettrodomestici moderni e un forno a legna con posti a sedere. In giardino, che dispone di una zona barbecue, è inoltre possibile godersi l’atmosfera piacevole del luogo. Preferite qualcosa di più attivo? Fatevi un paio di nuotate nella piscina coperta con acqua riscaldata (disponibile da maggio a settembre) che si trova al pianterreno della dacia. E non dimenticate di fare anche delle escursioni per i dintorni. I turisti più in forma possono raggiungere le rocce di Adršpach (Adršpašské skály), mentre gli amanti della storia saranno sicuramente conquistati da Kuks. Questo vasto complesso barocco fu edificato dal visionario conte Špork. Alla fine del XVII secolo, fece costruire un centro termale che fu visitato dai nobili di tutta Europa. Il complesso barocco è anche famoso per le splendide sculture allegoriche raffiguranti i vizi e le virtù ad opera del celebre Matyáš Bernard Braun.

Ozio attivo

La pensione "Roubenka" di Horní Sklenov presso Hukvaldy offre un piacevole mix di storia e stile di vita moderno. Prendete il vostro caffè mattutino in una cucina di campagna, seduti intorno ad un tavolo di legno mentre ammirate dalla finestra il vasto giardino di ben 1500 m2. Volete sgranchirvi un po' senza logorare il corpo? A un centinaio di metri dalla casetta di legno della pensione si trova un campo da golf con 18 buche. Chi vuole restare alla pensione, può godersi la sauna con laghetto. Qui si divertiranno non solo gli adulti, ma anche i bambini, per i quali vengono messe a disposizione una grande sala giochi con molti giocattoli e una casetta in cima agli alberi nel giardino. Non dimenticate inoltre di visitare il vicino castello di Hukvaldy, la cui costruzione ebbe inizio nel XIII secolo. Oggi, le rovine del castello sono aperte al pubblico e si può salire sulla torre panoramica per ammirare la città e i suoi dintorni. Il nativo più famoso di Hukvaldy è Leoš Janáček, un compositore di fama mondiale. La sua casa natale ospita un’esposizione permanente dove potrete trovare informazioni dettagliate sul sentiero didattico dei dintorni e vedere i luoghi che hanno ispirato le sue opere amate in tutto il mondo.

La regione vinicola

L'eredità di famiglia è rispettata anche dai proprietari di una dacia a Němčičky nel distretto di Břeclav. Hanno ristrutturato la casa della nonna dove trascorrevano le vacanze, un luogo che vi darà l'impressione di essere tornati all'infanzia. La dacia può ospitare 12 persone e ognuno può trovare il proprio angolo preferito, che si tratti della stufa in maiolica, del cortile o dello spazio davanti alla casa. Nei dintorni si trovano diversi luoghi interessanti per fare escursioni. Potete noleggiare una bicicletta e percorrere uno dei tanti sentieri del vino che costeggiano il paesaggio protetto di Pálava o godervi il ​​programma di un'intera giornata a Mikulov, che è il centro principale della viticoltura. Nel castello locale, si può visitare l’esposizione permanente sulla storia della viticoltura e sulle celebrità che hanno visitato questa pittoresca città, tra cui l'imperatore Napoleone. Un altro luogo interessante si trova non lontano dalla dacia di Němčičky. Scendete nel museo archeologico sotterraneo di Pavlov e scoprite com'era la vita durante il Paleolitico. Qui potete ammirare non solo gli insediamenti risalenti a 25-27mila anni fa, ma anche oggetti d'arte, strumenti, tombe rituali e ossa di mammut provenienti dai dintorni di Pavlov.